UFFICIO NAZIONALE PER L'EDUCAZIONE, LA SCUOLA E L'UNIVERSITÀ
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Ordo sapientiae. Per un dialogo fecondo tra teologia e saperi

Una raccolta di saggi sul confronto culturale curata da mons. Claudio Giuliodori
12 dicembre 2017

Claudio Giuliodori (a cura di)

Ordo sapientiae. Per un dialogo fecondo tra teologia e saperi

Vita e Pensiero, 2017

Pagine 312

€ 25,00

La presente raccolta di saggi è il frutto di un per­corso di riflessione pluriennale dedicato al rilan­cio del dialogo tra la teologia e i saperi, coltivato nel contesto dell’Ateneo dei cattolici italiani e, più in generale, nell’ambito universitario e del confronto culturale. La riflessione teologica vie­ne presentata come un reagente, tanto fecondo quanto pertinente, per l’elaborazione del sape­re di competenza dei diversi ambiti scientifici. In questo senso, il volume si rivolge certamente agli studiosi e agli studenti dell’Università Cattolica, delle Facoltà teologiche e delle istituzioni cul­turali ecclesiali, ma anche a tutti coloro che sono interessati al dialogo tra teologia e saperi nel con­testo del più ampio dialogo tra ragione e fede. Un tale obiettivo viene perseguito attraverso una tripartizione dei contributi. Nella prima par­te, vengono delineate le condizioni di possibili­tà del confronto così come si possono invenire nell’orizzonte biblico-teologico. La seconda par­te del volume, invece, è dedicata a individuare le principali coordinate per allestire effettivamente un autentico dialogo tra la teologia e i saperi. Infine, per non limitarsi a indicazioni di principio, la terza parte declinerà la proposta teologica rispetto ad alcuni saperi specifici.

Claudio Giuliodori è nato a Osimo (AN) il 7 gennaio 1958. Dal febbraio 2013 è Assistente Ecclesiastico Generale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Ordinato sacerdote nella Dioce­si di Ancona-Osimo nel 1983, ha conseguito il Dottorato in Sacra Teologia nel 1990. Per dieci anni (dal 1998 al 2007) è stato Direttore dell’Uf­ficio nazionale per le comunicazioni sociali della C.E.I. Nel febbraio 2007 è stato nominato da Benedetto XVI Vescovo di Macerata. È autore di numerosi saggi nel campo dell’antropologia teologica, della dottrina sociale della Chiesa e della pastorale.